venerdì 30 agosto 2013

Dal 2014 abolita l'IMU sulla prima casa

Nel 2014 non ci sarà l'IMU sulla prima casa, sui terreni agricoli e sui fabbricati rurali.
Dal 1 gennaio 2014 arriverà la "service tax", che verrà formalizzata con la legge di stabilità. É il premier Enrico Letta a riferirlo al termine del Consiglio dei Ministri del 28 agosto. Parlando della service tax, Letta, la paragona al canone codominiale che il condomino deve pagare in quanto fruitore di servizi. Fra le proposte per la service tax vi è la deducibilità per le imprese. Il nuovo anno porterà, quindi, agli italiani la nuova imposta sui servizi comunali (composta da rifiuti, si pagherà al mq, e servizi indivisibili, il comune potrà scegliere come base imponibile la superficie o la rendita catastale dell'immobile e verrà pagata da chi occupa l'abitazione), che sostituirà la TARES e sarà riscossa dai comuni.




 Chi pagherà l'IMU nel 2013? Nel 2013 l'Imu sulle prime case non si pagherà ad eccezione per le case di categoria A1 (immobili di pregio), A8 (ville) e A9 (castelli e palazzi storici).

 Curiosità: Alla fine del Consiglio dei Ministri sembrava che la nuova imposta si dovesse chiamare TASER, ma i pronti commenti divampati su Google forse faranno cambiare idea ai nostri politici. Pare, infatti, che Taser sia il nome delle pistole laser in dotazione alla polizia USA ed utilizzate per immobilizzare i malviventi con l'elettroshock. La battuta impazza sul web " taser l'imposta che paralizza il contribuente!"

 Riflessione: Poichè parte della service tax ricadrà sugli occupanti dell'immobile è possibile che vi siano delle ripercussioni sul mercato degli affitti delle civili abitazioni, ad esempio con un aumento delle morosità, anche perchè le statistiche ci insegnano che la maggioranza delle famiglie in affitto hanno un reddito di circa 30.000 euro, senza considerare, infine, un possibile aumento degli affitti a nero. Le associazioni di categoria hanno già manifestato le loro preoccupazioni in merito.

Novità per le imprese di costruzioni: le aziende che lavorano in questo settore non dovranno più pagare l’Imu sui fabbricati invenduti. La novità scatta dalla seconda rata 2013, a dicembre. Ma si protrarrà anche nei prossimi anni.

 Attenzione! Nel 2014 tornerà anche l'IRPEF per gli immobili non locati e anche sui redditi dominicali sui terreni non affittati.

4 commenti:

  1. Diciamo che un primo, anche se piccolo, passo è stato fatto. Ora tocca a misure importanti a favore delle imprese per facilitare la ripresa altrimenti gli Italiani saranno costretti a venderla la prima casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Liberare le imprese dalla morsa della pressione fiscale è il minimo che un governo possa fare per far ripartire l'economia.
      Siamo sicuri che la Taser vada in questa direzione? Attendiamo di vedere le prossime mosse.....

      Elimina
  2. Potevano anche chiamarla TASER tanto ci manca solo l'elettroshock!!!!! Ciao!

    RispondiElimina
  3. Niente di più vero Laura!
    A presto!

    RispondiElimina